Register Now
Subscribe to Radiospeaker.it feed Radiospeaker.it
News Radiofoniche, Interviste ai professionisti della radio e Guide di tecnica radiofonica
Updated: 1 hour 51 min ago

Migliorare riascoltandosi: la tecnica che ogni speaker dovrebbe applicare

Thu, 2020-01-30 12:54

Per intraprendere la carriera di speaker, la prima cosa che si consiglia sempre è fare pratica.

Dopo aver assimilato le basi, e aver fatto anche un bel po’ di esercizi in diretta (o finta diretta se si è agli esordi) un ottimo modo per migliorarsi di giorno in giorno è quello di riascoltarsi dopo la messa in onda.

L'autocritica è uno strumento utile per analizzare il proprio lavoro, che ci porta a rispondere a tre domande fondamentali: cosa ho sbagliato? Perché ho sbagliato? Come posso migliorare?

Innanzitutto dobbiamo essere consapevoli che la voce che sentiamo noi stessi quando parliamo è diversa da quella che percepiscono gli utenti, quindi ci è utile capire come arriviamo effettivamente alle orecchie dei nostri ascoltatori.

Non possiamo ovviamente modificare la nostra voce, anche perché risulteremmo ridicoli e finti, ma potremo agire sul tono. Un modo per essere più gradevoli è parlare col sorriso: anche se non ci vede nessuno, si percepisce che c'è quel pizzico di simpatia in più.  

L’ideale sarebbe riascoltarsi con calma, perché anche se mentre parliamo possiamo ascoltare la nostra voce in cuffia, saremo troppo presi dal trasmettere in diretta per accorgersi di come stiamo andando effettivamente. Prendetevi tempo, e segnatevi quello che potete migliorare.

Riascoltarsi può portarci a individuare errori che magari ci erano sfuggiti: accenti sbagliati, problemi di pronuncia e qualsiasi altro problema legato al modo di parlare. Anche se spesso la tecnologia ci viene incontro, possiamo anche notare il volume della nostra voce, che può essere fin troppo squillante o, al contrario, troppo bassa.

Ci accorgiamo anche se siamo ripetitivi, al di là di un motto o di un modo di salutare speciale, cioè se usiamo le stesse parole o la medesima espressione per lanciare una canzone o quando torniamo da uno spot pubblicitario.

Sempre riferito a quello che può succedere in diretta, bisogna stare attenti ai nomi, spesso stranieri, di artisti o canzoni. Siamo in radio e lanciamo pezzi in continuazione: non possiamo permetterci gaffe. 

Un po’ di problemi l’aveva destato qualche anno fa la canzone All about that bass di Meghan Trainor: istintivamente la parola “bass” l’avremmo pronunciata “bess”, e invece si dice “beis”. O ancora, in radio si è sentito annunciare anche i “Lost Frequencies”: non serve parlare al plurale, perché è un gruppo ma una singola persona.

Oltre agli errori appena citati, però, c’è anche un lavoro più tecnico da considerare, che riguarda come le nostre parole vengono mixate all’interno del programma.

Il più palese è se parliamo sulla canzone: sarebbe una buona regola controllare in maniera ben attenta l’inizio e la fine dell’intervento e vedere se effettivamente abbiamo coperto o meno la musica. 

Un altro problema legato al talk riguarda la velocità con cui parliamo: può capitare che nel corso dell’intervento iniziamo con calma perché siamo certi di stare nei tempi previsti, ma poi non è così e dobbiamo accelerare. Può succedere anche l’opposto, cioè partire in quarta per poi trovarsi a riempire il tempo rimasto senza sapere cosa dire, risultando anche noiosi.

Non si smette mai di imparare, e questo vale anche in radio, soprattutto per chi si approccia adesso alla professione di speaker.

L'autocritica è fondamentale per crescere, e saperla fare non è da tutti: a volte si ha la presunzione di non sbagliare, altre invece se ne fa fin troppa e ci si demoralizza, ma bisogna trovare un equilibrio.

Rispondere alle tre domande di inizio articolo è la soluzione a quasi tutti gli errori che possiamo fare in radio, anche i più banali: ecco un esempio pratico di come possiamo analizzare un problema e arrivare a una soluzione. Cosa ho sbagliato? Ho letto male il titolo di una canzone. Perché ho sbagliato? Perché non conosco l'artista. Come posso migliorare? Mi informo di più sui pezzi che mando in onda. 

Articolo a cura di Alessio Di Pietro

Corsi di Radio

Sogni di lavorare in Radio e non sai da dove cominciare?
Scegli uno dei Corsi di Radiospeaker.it!

Fill out my online form.

var q10d63jg0duvglf;(function(d, t) { var s = d.createElement(t), options = { 'userName':'joekiesa', 'formHash':'q10d63jg0duvglf', 'autoResize':true, 'height':'688', 'async':true, 'host':'wufoo.com', 'header':'show', 'ssl':true}; s.src = ('https:' == d.location.protocol ? 'https://' : 'http://') + 'www.wufoo.com/scripts/embed/form.js'; s.onload = s.onreadystatechange = function() { var rs = this.readyState; if (rs) if (rs != 'complete') if (rs != 'loaded') return; try { q10d63jg0duvglf = new WufooForm();q10d63jg0duvglf.initialize(options);q10d63jg0duvglf.display(); } catch (e) {}}; var scr = d.getElementsByTagName(t)[0], par = scr.parentNode; par.insertBefore(s, scr); })(document, 'script');

Riccardo Gaz approda su Radio Capital

Fri, 2020-01-17 16:26

È delle ultime ore la notizia riguardante l’arrivo di una nuova voce a Radio Capital: parliamo di Riccardo Gaz, giovane speaker Agrigentino molto noto nella sua zona che proprio con un post sulla sua pagina Facebook ha annunciato la nuova collaborazione con il TG Zero, programma di punta dell’emittente romana.

È una collaborazione che mi riempie il cuore di gioia” ha scritto lo speaker siciliano  ringraziando chi lo segue da sempre continuando a credere in lui, partendo dalla madre che “ancora oggi si chiede che lavoro faccia suo figlio Riccardo.

Gaz continuerà a dirigere il suo programma su Radio Vela - come apprendiamo da agrigentonotizie.it - e interverrà dal Lunedì al Venerdì all’interno del TG Zero su Radio Capital condotto da Edoardo Buffoni e Michela Murgia.

Non ci resta che fare i migliori auguri a Riccardo da parte di tutta radiospeaker.it.

Articolo a cura di Adriano Matteo

Corsi di Radio

Sogni di lavorare in Radio e non sai da dove cominciare?
Scegli uno dei Corsi di Radiospeaker.it!

Fill out my online form.

var q10d63jg0duvglf;(function(d, t) { var s = d.createElement(t), options = { 'userName':'joekiesa', 'formHash':'q10d63jg0duvglf', 'autoResize':true, 'height':'688', 'async':true, 'host':'wufoo.com', 'header':'show', 'ssl':true}; s.src = ('https:' == d.location.protocol ? 'https://' : 'http://') + 'www.wufoo.com/scripts/embed/form.js'; s.onload = s.onreadystatechange = function() { var rs = this.readyState; if (rs) if (rs != 'complete') if (rs != 'loaded') return; try { q10d63jg0duvglf = new WufooForm();q10d63jg0duvglf.initialize(options);q10d63jg0duvglf.display(); } catch (e) {}}; var scr = d.getElementsByTagName(t)[0], par = scr.parentNode; par.insertBefore(s, scr); })(document, 'script');

Radio Zero: il progetto radiofonico di Palazzo delle Espozioni a Roma

Fri, 2020-01-17 12:34

Debutta al Palazzo delle Esposizioni Radio Zero, un progetto radiofonico-culturale nato dalla collaborazione siglata tra l'azienda Palaexpo e l'Istituto Enciclopedia Treccani, curato da Andrea Carlino, presidente dell'Associazione Culturale Patr'Act insieme alla giornalista Chiara  Valerio.

Lo spazio è allestito al piano zero del Palazzo appunto, un'area gratutita che aprirà ogni due settimane, di venerdì, ad incontri, conferenze, presentazioni di libri, letture, laboratori e dj set, volto a favorire contaminazioni e interconnessioni tra discipline differenti: arte, musica, libri, teatro.

Come si legge alla pagina www.palazzoesposizioni.it: "RadioZero nasce dall’esigenza di trovare, ritrovare e aggregare ascoltatori di ogni generazione in uno spazio, insieme reale e etereo, per (ri)avvicinare un confronto critico e arrabbiato sulle derive dell’oggi e soprattutto per (ri)cominciare a sintonizzarsi collettivamente e in modo costruttivo su nuovi percorsi, su vecchie e nuove passioni, su vecchi e nuovi valori. Più giusti, appunto."

Il format prevede l'organizzazione di una serie di incontri dedicati alla presentazione di libri, relativi ad argomenti di volta in volta differenti e con conduttori differenti, accompagnate da playlist musicali selezionate ad hoc.  

"RadioZero è un’azione culturale che coniuga, in una sorta di live podcast, presentazioni di novità editoriali alla musica, come accade nelle trasmissioni radiofoniche”, ha spiegato Andrea Carlino presidente dell'associazione Patr'Act - patrimonio attivoL'obiettivo è quello di favorire la diffusione e condivisione della cultura, dell'arte, del pensiero in maniera "leggera e gioiosa" e consentire alle vecchie e giovani generazioni di incontrarsi "per discutere di questioni raffinate, dotte e importanti, divertendosi, in un periodo di crisi di rappresentanza, di crisi dell’editoria e di drammatica crisi etica”. 

Ogni incontro di Radio Zero sarà disponibile in podcast sui siti e sui social dei partners del programma. 

 

A cura di Mariele Scifo 

Corsi di Radio

Sogni di lavorare in Radio e non sai da dove cominciare?
Scegli uno dei Corsi di Radiospeaker.it!

Fill out my online form.

var q10d63jg0duvglf;(function(d, t) { var s = d.createElement(t), options = { 'userName':'joekiesa', 'formHash':'q10d63jg0duvglf', 'autoResize':true, 'height':'688', 'async':true, 'host':'wufoo.com', 'header':'show', 'ssl':true}; s.src = ('https:' == d.location.protocol ? 'https://' : 'http://') + 'www.wufoo.com/scripts/embed/form.js'; s.onload = s.onreadystatechange = function() { var rs = this.readyState; if (rs) if (rs != 'complete') if (rs != 'loaded') return; try { q10d63jg0duvglf = new WufooForm();q10d63jg0duvglf.initialize(options);q10d63jg0duvglf.display(); } catch (e) {}}; var scr = d.getElementsByTagName(t)[0], par = scr.parentNode; par.insertBefore(s, scr); })(document, 'script');

Radio2, Barbara Venditti: Speaker per caso ma con passione, da sempre:

Fri, 2020-01-17 11:42

Si definisce una nerd o, come si usa dire oggi, una geek.

È diventata speaker radiofonica facendo un provino per caso e, da quel microfono, non si è più staccata. Di chi stiamo parlando? Di Barbara Venditti, la nuova voce di Radio2 con il programma “Le Lunatiche” e la co-conduzione notturna con Federica Elmi.

E ,noi di Radiospeaker, ne abbiamo voluto sapere un po’ di più.

Dal tuo curriculum si legge che hai fatto l’animatrice turistica ma anche la DJ, copywriter, cameriera, imprenditrice e altro ancora. Noi però vogliamo conoscere la speaker radiofonica Barbara Venditti. Quanto c’è del tuo curriculum davanti a un microfono?

Tantissimo, prima di tutto perché la radio è il primo social network. Tra tutti coloro che si occupano di comunicazione, dal copywriter all’animatore, non può non esserci il primo social network nelle passioni di chi ama comunicare e cioè la radio. È la mia grande passione da quando ero bambina e tutto il mio percorso, segnato a volte dalla casualità ma anche dalla voglia di imparare cose nuove, mi ha portato a coronare quello che è sempre stato il mio sogno. Io sono arrivata alla radio nel 2003 ed è successo per caso, senza sperarci più di tanto. Nello specifico, un collega col quale facevamo delle serate musicali, mi iscrisse a dei provini ai quali io non volevo partecipare perché non credevo fosse una cosa possibile fare radio. La mia generazione credeva nei sogni come sogni, non c’erano i talent show, accendevi la tv ed era una cosa irraggiungibile che potevi vivere solo da spettatore. Nel mio caso, io accendevo la radio e sognavo di fare quello. Poi ho iniziato a farlo nel mio piccolo, dall’animatrice turistica alla DJ in spiaggia, cosa che ho continuato a fare anche quando la radio è entrata nella vita. Io credo che tutto il mio percorso professionale sia stato dettato sempre dalla curiosità. La voglia di imparare le cose e anche la curiosità di sapere come potevo fare per impararle e questa è una caratteristica che non ho mai perso, nel corso degli anni. E quindi poi, quando sono arrivata alla radio, avevo la curiosità di raccontare le cose che vedevo in giro e di farmi raccontare cose dagli ascoltatori. Io credo che la radio unisca tutto questo, le esperienze della vita a confronto, come un perfetto social network.

Tra le tue esperienze radiofoniche, spicca quella della web radio. Ci racconti questo particolare  legame tra radio e tecnologia?

Sono sempre stata un po’ nerd o geek come si dice oggi, quando negli anni Ottanta e Novanta uscirono i primi computer io mi buttai a capofitto nello studio empirico di come potessero funzionare i floppy disk,  per esempio. Questa passione è andata avanti diventando anche un lavoro, tecnologia unita alla grafica, che mi hanno portato a sperimentare tanti software. Nel 2007 appena tornata a Roma nel periodo in cui si cominciava a parlare di broadcast e delle web radio, mi misi davanti a un vecchio computer e, con qualche notte in bianco, installai dei software e iniziai a lavorare sugli algoritmi. Quando iniziai a lavorare per Radio Antenna1, l’editore mi chiese di realizzare delle webradio per quella emittente e così ne feci 9, con un nuovo software. Prima o poi mi piacerebbe tornare ad aprire una mia webradio.

“Le Lunatiche” è il programma a Radio2 che ti vede accanto a Federica Elmi. Ce lo racconti? Com’è la conduzione radiofonica  a coppia?

Abbiamo iniziato da una settimana, io e Federica eravamo già amiche ma non avevamo mai condotto insieme. La conduzione radiofonica a coppia è sempre come un passo a due, quindi più difficile rispetto a quando si conduce da soli, soprattutto quando se fai radio da tanti anni. Perché hai il tuo stile, i tuoi gusti, i tuoi tempi. A due devi sempre non pestare i piedi all’altro e comunque danzare in modo che sembri naturale, quello che deve uscire dall’altra parte deve essere un flusso. Quindi ti devi incastrare. Noi lo stiamo già facendo piano piano, ci sentiamo tante volte durante la settimana per trovare contenuti, siamo entrambe molto curiose e ogni volta abbiamo una marea di cose da raccontare. Man mano che andremo avanti di sicuro di creerà sempre più empatia.

Se ti chiedessero di spiegare a un bambino cosa significa fare radio, come glielo spiegheresti?

Gli direi “raccontami una storia” e, mentre me la racconta, gli direi “vedi che questa storia mentre me la stai raccontando, la stai vivendo?”, ecco la radio è questo. La radio secondo me è la vita che scorre. La persona che sta davanti a un microfono racconta una storia che è la sua, ma anche di tutte le persone che lui sta immaginando davanti a sè. Fare radio significa saper raccontare una storia, ma anche saperla ascoltare perché sempre una strada a doppio senso.

Diciamoci la verità, il vostro è un mestiere bellissimo e ambito da tantissimi giovani. Quali dritte daresti a chi sogna di fare questo lavoro?

Prima di tutto direi “sii pronto al sacrificio”, perché per ogni lavoro bisogna sacrificarsi, ma quello della radio è un sacrificio che tu senti di dover fare per chi ascolta ma anche per tenere fede a un impegno. Quando è la mattina di Natale, per esempio, e tutti aprono i regali, qualcuno che deve raccontare tutto questo ci sarà e  molto probabilmente quella persona sarai tu.  È un lavoro che non ha orari, lavori anche quando non sei in diretta perché devi stare sempre sul pezzo anche quando sei in mezzo al mondo: passato, presente e futuro nella tua testa di mescolano. Occorrono dedizione e tecnica. Imparare la tecnica è una grande astuzia, se impari le basi poi ti puoi concentrare liberamente sui contenuti. E, soprattutto, bisogna essere tanto, ma tanto curiosi.

Intervista a cura di Valentina Chisari

Corsi di Radio

Sogni di lavorare in Radio e non sai da dove cominciare?
Scegli uno dei Corsi di Radiospeaker.it!

Fill out my online form.

var q10d63jg0duvglf;(function(d, t) { var s = d.createElement(t), options = { 'userName':'joekiesa', 'formHash':'q10d63jg0duvglf', 'autoResize':true, 'height':'688', 'async':true, 'host':'wufoo.com', 'header':'show', 'ssl':true}; s.src = ('https:' == d.location.protocol ? 'https://' : 'http://') + 'www.wufoo.com/scripts/embed/form.js'; s.onload = s.onreadystatechange = function() { var rs = this.readyState; if (rs) if (rs != 'complete') if (rs != 'loaded') return; try { q10d63jg0duvglf = new WufooForm();q10d63jg0duvglf.initialize(options);q10d63jg0duvglf.display(); } catch (e) {}}; var scr = d.getElementsByTagName(t)[0], par = scr.parentNode; par.insertBefore(s, scr); })(document, 'script');

267 Radio iscritte a Radio TER 2020: le rilevazioni iniziano il 21 gennaio 2020

Fri, 2020-01-17 11:14

Si sono concluse nei giorni scorsi le iscrizioni all’Indagine statistica sull’ascolto radiofonico in Italia Radio TER 2020.

Al riguardo l’Avv. Marco Rossignoli, Presidente di TER - Tavolo Editori Radio srl ha evidenziato: “le emittenti radiofoniche iscritte all’indagine sono complessivamente 267, di cui 17 radio nazionali e 250 radio locali. Radio TER 2020 è costituita da due indagini, entrambe condotte mediante interviste telefoniche, su telefoni fissi e mobili, con metodo CATI e basate su campioni nazionali rappresentativi dell’universo di riferimento (persone presenti sul territorio italiano di almeno 14 anni di età).

In particolare - ha proseguito Rossignoli - il 21 gennaio 2020 avranno inizio le rilevazioni dell’Indagine Principale di Radio TER 2020. La stessa - ha aggiunto Rossignoli - si basa su 120.000 interviste telefoniche nel corso dell’anno 2020, suddivise in quattro trimestri di rilevazione di 30.000 interviste ciascuno. Tali interviste saranno realizzate da GfK Italia e Ipsos e produrranno, per tutte le emittenti iscritte a Radio TER 2020 i dati degli ascoltatori nel giorno medio, nei 7 giorni, nonché l’ascolto nel quarto d’ora e la durata dell’ascolto”.

Inoltre - ha aggiunto Rossignoli - vi sarà un’indagine parallela, basata su 20.000 interviste telefoniche, nel corso dell’anno 2020, realizzata da Doxa, che permetterà di alimentare le modellistiche di creazione della copertura dinamica a quattro settimane. A livello di singola emittente - ha proseguito Rossignoli - i dati dell’Indagine Parallela verranno integrati con i dati dell’Indagine Principale in un database denominato Nastro di Pianificazione. Le rilevazioni della prima wave dell’Indagine Parallela avranno inizio il 5 maggio 2020”.

Rossignoli ha inoltre evidenziato: “la pubblicazione dell’anticipazione dei dati del secondo semestre 2019 e dell’anno 2019 di Radio TER 2019 è prevista per il 28 gennaio 2020 mentre la pubblicazione dei volumi con tutti i dati del secondo semestre 2019 e dell’anno 2019 avverrà il 10 marzo 2020”.

Comunicato stampa Radio TER

Corsi di Radio

Sogni di lavorare in Radio e non sai da dove cominciare?
Scegli uno dei Corsi di Radiospeaker.it!

Fill out my online form.

var q10d63jg0duvglf;(function(d, t) { var s = d.createElement(t), options = { 'userName':'joekiesa', 'formHash':'q10d63jg0duvglf', 'autoResize':true, 'height':'688', 'async':true, 'host':'wufoo.com', 'header':'show', 'ssl':true}; s.src = ('https:' == d.location.protocol ? 'https://' : 'http://') + 'www.wufoo.com/scripts/embed/form.js'; s.onload = s.onreadystatechange = function() { var rs = this.readyState; if (rs) if (rs != 'complete') if (rs != 'loaded') return; try { q10d63jg0duvglf = new WufooForm();q10d63jg0duvglf.initialize(options);q10d63jg0duvglf.display(); } catch (e) {}}; var scr = d.getElementsByTagName(t)[0], par = scr.parentNode; par.insertBefore(s, scr); })(document, 'script');

Festa in maschera per Radio Deejay? L'annuncio di Linus e Nicola

Fri, 2020-01-17 11:12

La festa per il compleanno di Radio Deejay è ormai un evento irrinunciabile per molti ascoltatori. Quest’anno l’emittente festeggia 38 anni, e durante la diretta di “Deejay Chiama Italia” di ieri mattina, Linus e Nicola hanno fatto una proposta a sorpresa per sondare l’umore del pubblico.

Radio Deejay ha dato il via alle sue trasmissioni il 1° febbraio del 1982, ma per una questione organizzativa, la festa dello scorso anno è stata posticipata alla fine di giugno per un grande evento all’aperto a Milano. Per quest’anno l’intento è lo stesso, ma ieri mattina i due conduttori hanno proposto di fare una festa più piccola anche a febbraio, in aggiunta, proprio nel mese del compleanno della radio. E visto che febbraio è il mese del Carnevale, è stata proposta una festa in maschera a tema anni 80’.

Come data è stato scelto il 25 febbraio, il giorno di martedì grasso, per un evento che, rispetto a quello estivo, dovrebbe prevedere un pubblico più ristretto, intorno alle 2000 o 3000 persone. Per il momento non sono emersi altri dettagli, a parte che la festa sarà a Milano. Per inziare Linus e Nicola hanno chiesto al pubblico un riscontro in merito alla proposta, per capire se piace l’idea di una festa in maschera in stile anni 80’, o se la maggioranza verte per un altro tema. Tra ieri ed oggi sui social hanno iniziato a girare foto di Linus, Federico Russo e Matteo Curti con tanto di parrucche. Quel che è certo, è che a Radio Deejay è già tempo di Carnevale.

Articolo a cura di Vittoria Marchi

 

 

Corsi di Radio

Sogni di lavorare in Radio e non sai da dove cominciare?
Scegli uno dei Corsi di Radiospeaker.it!

Fill out my online form.

var q10d63jg0duvglf;(function(d, t) { var s = d.createElement(t), options = { 'userName':'joekiesa', 'formHash':'q10d63jg0duvglf', 'autoResize':true, 'height':'688', 'async':true, 'host':'wufoo.com', 'header':'show', 'ssl':true}; s.src = ('https:' == d.location.protocol ? 'https://' : 'http://') + 'www.wufoo.com/scripts/embed/form.js'; s.onload = s.onreadystatechange = function() { var rs = this.readyState; if (rs) if (rs != 'complete') if (rs != 'loaded') return; try { q10d63jg0duvglf = new WufooForm();q10d63jg0duvglf.initialize(options);q10d63jg0duvglf.display(); } catch (e) {}}; var scr = d.getElementsByTagName(t)[0], par = scr.parentNode; par.insertBefore(s, scr); })(document, 'script');

LondonONEradio: ascolti in crescita nel 2019. Stabiliti gli obiettivi del 2020

Thu, 2020-01-16 17:35

LondonONEradio, radio unica e ufficiale degli italiani a Londra, bbc supplier e patrocinata dal Consolato Italiano, chiude l’anno 2019 con ottimi risultati, sia di ascolti, sia di investimenti.

Nel 2020 l’azienda I.C.S.ldt, di cui la radio e il magazine italoeuropeo.com fanno parte, portera’ avanti il progetto base di internazionalizzazione, per portare LondonONEradio (L1R) in altri paesi e continenti e consolidando sempre piu’ la presenza in tutta l’UK e in Italia.

Gia’ nell’anno che si sta per concludere, L1R, si e’ allargato in paese come Cina, Sud Corea, dove c’e’ una comunita’ di italiani che possono scaricare l’APP o via streeming, L1R cerca di essere presente, anche creando degli spinoff sul territorio.

In Paesei Europe, come Spagna, Francia, Germania, Belgio, L1R e’ gia’ presente nelle varie comunita’ italiane. Anche in USA, Australia e nella zona di Mosca, L1R e’ ascoltato sulle piattaforme social, e anche on demand.

Tutto parte da Londra, dove L1R ha la nuova sede, a Totteham hale. I nuovi studi sono pronti ad accogliere numeri ospiti, gia calendarizzati da dicembre, per iniziare un 2020 tutto nuovo e di intrattenimento.

L’editore e fondatore Philip Baglini Olland, ha sottolineato che l’impegno e gli obbiettivi sono sempre quelli delle origi di tre anni fa’ :” Portare l’Italia, nel mondo attraverso la sua storia e cultura. Creare un ponte tra tutti gli italiani all’estero, falli sentire piu’ vicini alla loro patria, un ponte che con l’imminete Brexit in UK, diventa fondamentale per stringere e mantenere I rapporti con gli italini in UK e il resto dell’Europa. E la radio e la musica hanno e devono avere questa missione importante di unire I popoli e le nazioni.

Una radio unica nel suo genere, innovativa, certe volte fuori dagli schemi comuni delle normali radio, ma sempre mirata e fatta per divertire, informare, abbracciare gli ascoltatori”, continua l’editore.

Il 2020 si aprira’ con l’evento piu’ importante e atteso della musica italiana: il festival di Sanremo. L1R e’ la prima radio italiana nella storia della Gran Bretagna ad essere presente al festival, portando la voce degli italiani in UK nel festival piu’ noto nella storia della musica internazionale.

Successivamente L1R sara’ radio partner di molti concerti a Londra come quello di Francesco Renga, Zucchero, Gianna Nannini, Antonello Venditti, De Gregori e tanti altri. La fiduca delle case discografiche e dei cantanti testimoniano la determinazione del lavoro quotidiano del team di L1R nel portare agli ascoltatori il meglio della musica italiana all’estero.

Non dimentichiamoci della promozione dei giovani talenti musicali, nei quali L1R negli ultimi tre anni ha puntato molto. Nel 2018 sono stati promossi (ogni venerdi nella show Young Music Talent) oltre 457 giovani artisti, italiani e stranieri. Giovani molto bravi che ancora non trovano la giusta casa discografica o il giusto trampolino per il grande salto, ecco che L1R, nel suo piccolo, cerca di promuovere la loro musica, nel web e non solo.

Nel 2020, ci saranno tante sorprese, un locale dove poter fare musica dal vivo, feste e intrattenimenti. Ci sara’ un tour di L1R nelle piu’ importanti citta’ della Gran Bretagna per raggiungere gli italiani in tutta l’UK.

Dalle ore 6.00am del mattino con la prima rasegna stampa, l’informazione di L1R sara’ ogni ora, con approfondimenti sulle notizie piu’ di rilievo, locali e internazionali. Ci saranno 4 rubiche nuove dedicate allo sport, al benessere, all’oroscopo e al turismo.

Tutto questo senza dimenticare la parte di produzione video. L1R infatti e’ noto anche per i brevi documentari e piccoli filmati che hanno riscontrato molto interesse anche da parte di rete televisive Italiane. Ricordiamo il documentario inedito sulla vita di Guglielmo Marconi in UK, o il documentario sul college di Eaton.

Tutti questi piccoli passi fatti, sono mirati a trasmettere sempre piu’ prodotti originali e sopratutto gratuiti al grande pubblico.

“C’e’ ancora tanta strada da fare ed e’ in salita, non e’ stato facile arrivare dove siamo, ancora davanti a noi c’e’ un mare infinito di cose da fare e si faranno con l’entusiasmo di sempre, senza pensare di ottenere grandi successi, ma piccole conquiste quotidiane. La nostra forza sono gli ascoltatori, sono le persone che ogni giorno ci ascoltano, non e’ importante che siano un o un milione l’importante da parte nostra e fare il nostro lavoro migliorando anche noi stessi ogni giorno”, queste le parole dell’editore Philip Baglini Olland, che augura a tutti voi un buon 2020.

Comunicato stampa London One Radio

Corsi di Radio

Sogni di lavorare in Radio e non sai da dove cominciare?
Scegli uno dei Corsi di Radiospeaker.it!

Fill out my online form.

var q10d63jg0duvglf;(function(d, t) { var s = d.createElement(t), options = { 'userName':'joekiesa', 'formHash':'q10d63jg0duvglf', 'autoResize':true, 'height':'688', 'async':true, 'host':'wufoo.com', 'header':'show', 'ssl':true}; s.src = ('https:' == d.location.protocol ? 'https://' : 'http://') + 'www.wufoo.com/scripts/embed/form.js'; s.onload = s.onreadystatechange = function() { var rs = this.readyState; if (rs) if (rs != 'complete') if (rs != 'loaded') return; try { q10d63jg0duvglf = new WufooForm();q10d63jg0duvglf.initialize(options);q10d63jg0duvglf.display(); } catch (e) {}}; var scr = d.getElementsByTagName(t)[0], par = scr.parentNode; par.insertBefore(s, scr); })(document, 'script');

Non dire Sanremo: RTL 102.5 in diretta dalla vetrina dello store OVS accanto al Teatro Ariston

Thu, 2020-01-16 14:36

Anche per la 70°esima edizione del Festival della Canzone Italiana che si terrà a Sanremo dal 4 all’ 8 febbraio, RTL 102.5  sarà in diretta, già da lunedì 3, dalla vetrina dello store OVS in Corso Matteotti, accanto al Teatro Ariston.

Tutti gli artisti, gli ospiti e i protagonisti del Festival passeranno dagli studi sanremesi di RTL 102.5: dalle 15.00 alle 17.00 “The Flight” con Alessandra Zacchino e Aurora Ramazzotti dalle 17.00 alle 19.00, “Password” con Nicoletta e Federica Gentile. 

La sera a partire dalle ore 21.00 sarà il commento della GIALAPPA’S BAND a raccontare le serate del Festival, insieme a Gigio D’Ambrogio, Laura Ghislandi, Mara Maionchi, Alberto Salerno, Federico Pecchia al social corner e, in diretta da Sanremo, Michele Monina in un vero e proprio show.

In collegamento da Sanremo 24/24 gli inviati Stefano Mannucci ed Enrico Galletti saranno il filo diretto no stop per vivere ogni momento da vicino. 

Anche Radio Zeta, altra radio della famiglia di RTL 102.5, si trasferirà a Sanremo con due programmi: “Turbozeta”, in diretta dalle 11.00 alle 13.00 con Sara Calogiuri e Lulù Mastio, mentre dalle 13.00 alle 15.00 saranno in onda Davide Damiani, Federico Pecchia e Jessica Brugali in “Zetagram”. 

RTL 102.5 seguirà la manifestazione con un’intensa attività social per tutta la settimana, con interviste, foto, video e backstage sui profili di RTL 102.5. Per la  prima volta RTL 102.5 racconterà Sanremo realizzando contenuti ad hoc in collaborazione con Tik Tok, grazie alla presenza di Jessica Brugali, una della creator più importanti con oltre 4,5 milioni di follower.

IL PUBBLICO VOTA IL BRANO PIU’ RADIOFONICO DEL FESTIVAL CON LA SPECIALE CLASSIFICA DI RTL 102.5 E EARONE

RTL 102.5, in collaborazione con EarOne, la società che pubblica in tempo reale i dati sui brani più trasmessi sulle emittenti radio e Tv in Italia, realizzerà la classifica per premiare i protagonisti radiofonici del Festival di Sanremo 2020. 

I risultati si baseranno sui voti espressi dagli ascoltatori ponderati con i dati di airplay radiofonico rilevati da EarOne su tutte le radio italiane. Gli ascoltatori di RTL 102.5 potranno, infatti, esprimere una preferenza su tutte le canzoni in gara. 

Le votazioni saranno registrate tramite il sito www.rtl.it  dove si potranno consultare anche il regolamento e tutti i dettagli.

Radiospeaker.it

Corsi di Radio

Sogni di lavorare in Radio e non sai da dove cominciare?
Scegli uno dei Corsi di Radiospeaker.it!

Fill out my online form.

var q10d63jg0duvglf;(function(d, t) { var s = d.createElement(t), options = { 'userName':'joekiesa', 'formHash':'q10d63jg0duvglf', 'autoResize':true, 'height':'688', 'async':true, 'host':'wufoo.com', 'header':'show', 'ssl':true}; s.src = ('https:' == d.location.protocol ? 'https://' : 'http://') + 'www.wufoo.com/scripts/embed/form.js'; s.onload = s.onreadystatechange = function() { var rs = this.readyState; if (rs) if (rs != 'complete') if (rs != 'loaded') return; try { q10d63jg0duvglf = new WufooForm();q10d63jg0duvglf.initialize(options);q10d63jg0duvglf.display(); } catch (e) {}}; var scr = d.getElementsByTagName(t)[0], par = scr.parentNode; par.insertBefore(s, scr); })(document, 'script');

Allarme bomba nel palazzo di radio Capital: programmi interrotti fino alle 19.45

Wed, 2020-01-15 23:34

Una telefonata anonima arrivata nel tardo pomeriggio di oggi alla redazione de La Repubblica ha allertato tutto il palazzo di Via Cristoforo Colombo a Roma, dove hanno sede le redazioni di tutte le testate del gruppo Gedi oltre che Radio Capital, che in quei minuti era in diretta con il TG Zero.

Nella telefonata è stato annunciato un allarme bomba che ha causato l’evaquazione di tutto lo stabile con la conseguente interruzione delle trasmissioni della radio romana.

Edoardo Buffoni e Michela Murgia, conduttori del TG Zero, hanno aggiornato gli ascoltatori con dei video sulle pagine social del programma fino a quando l’allarme non è rientrato alle 19.45 e i giornalisti sono tornati nel palazzo potendo riprendere a lavorare.

Anche Repubblica ha interrotto per diversi minuti gli aggiornamenti sul proprio sito annunciandolo in un articolo visti tutti i dipendenti riversati per strada.

Sul posto sono intervenute le forze dell’ordine che hanno attestato essersi trattato di un falso allarme.

Articolo a cura di Adriano Matteo

Corsi di Radio

Sogni di lavorare in Radio e non sai da dove cominciare?
Scegli uno dei Corsi di Radiospeaker.it!

Fill out my online form.

var q10d63jg0duvglf;(function(d, t) { var s = d.createElement(t), options = { 'userName':'joekiesa', 'formHash':'q10d63jg0duvglf', 'autoResize':true, 'height':'688', 'async':true, 'host':'wufoo.com', 'header':'show', 'ssl':true}; s.src = ('https:' == d.location.protocol ? 'https://' : 'http://') + 'www.wufoo.com/scripts/embed/form.js'; s.onload = s.onreadystatechange = function() { var rs = this.readyState; if (rs) if (rs != 'complete') if (rs != 'loaded') return; try { q10d63jg0duvglf = new WufooForm();q10d63jg0duvglf.initialize(options);q10d63jg0duvglf.display(); } catch (e) {}}; var scr = d.getElementsByTagName(t)[0], par = scr.parentNode; par.insertBefore(s, scr); })(document, 'script');

Australia, le radio non trasmettono le canzoni che parlano del fuoco

Wed, 2020-01-15 17:12

"Per rispetto verso la devastazione che ha colpito una grande parte della nostra comunità, abbiamo rimosso qualsiasi canzone che potrebbe essere considerata insensibile o di cattivo gusto su entrambe le reti Hit e Triple M a livello nazionale", con queste parole, il direttore di una delle più importanti radio australiane ha espresso la decisione di eliminare dalla playlist della sua radio i brani che fanno riferimento al fuoco, sulla base di ciò che sta avvenendo nel Nuovo Galles del Sud.

Infatti, tanti sono i roghi che stanno interessando l'intero territorio. Per questo, le radio della nazione hanno deciso di bandire le canzoni sul fuoco. Non vengono trasmessi brani come: "Fire Meet Gasoline" di Sia, "Flame Trees" dei Cold Chisel, "We didn't Start The Fire" di Billy Joel, "Beds are Burning" dei Midnight Oil, ""Sex On Fire" dei Kings Of Leon e "Ring on Fire" di Johnny Cash.

Una decisione finalizzata al rispetto nei confronti degli ascoltatori data la situazione particolarmente difficile per il territorio australiano. Infatti, la volontà di eliminare dalla programmazione musicale questi brani risponde proprio a tale scopo, pur essendo pezzi magari maggiormente preferiti dalle persone.

Una scelta che, nel panorama internazionale, si ripete e fa riecheggiare i momenti vissuti dopo l'11 settembre 2001, quando, anche in tal caso, gli Stati Uniti proibirono la trasmissione di canzoni, considerate delicate, per quel periodo storico.

In ogni caso, nel rispetto della scelta optata da parte della radiofonia australiana, rivolgiamo alle popolazioni la nostra sentita vicinanza in questi momenti difficili che l'intera comunità sta vivendo.

Articolo a cura di Maurizio Schettino

 

Photo Credit: www.dailymail.co.uk

RTL 102.5, Talent Letteraio: al via la 4° edizione del premio MURSIA

Wed, 2020-01-15 15:31

Si apre oggi, 15 gennaio 2020, la 4° edizione del Premio Letterario RTL 102.5-Mursia per il Romanzo Italiano. Il bando per partecipare è on line sui siti della casa editrice www.mursia.com e della radio www.rtl.it.

I romanzi vincitori sono pubblicati nella collana Leggi RTL 102.5, nata dalla partnership tra la casa editrice Mursia e RTL 102.5, la prima radio d’Italia.

Le precedenti edizioni sono state vinte da Elena Moretti con Quasi a casa (edizione 2017), Christian Cavaciuti con BlowJim (edizione 2018) e Marco Cesari con L’amico Giusto  (edizione 2019).

«I libri, come la radio, raccontano storie, esperienze, avventure e sogni e per noi di RTL 102.5 è una bellissima opportunità poter dar vita ad un premio letterario così trasversale, che apre le porte a tutti coloro che hanno nel loro cuore una storia da scrivere.» dice Marta Suraci, responsabile comunicazione e marketing di RTL 102.5.

«Il premio è rivolto agli esordienti ed è una vera e propria fucina di talenti che altrimenti difficilmente troverebbero ascolto nelle case editrici. Elena Moretti sull’onda di Quasi a casa, lo scorso anno ha pubblicato con noi, nella collana Leggi RTL 102.5, il romanzo Quel che manca di te dimostrando che il talento non si ferma con la vincita del premio.» spiega l’editore Fiorenza Mursia.  «Non solo ma nel tempo abbiamo pubblicato diversi altri romanzi arrivati come proposte durante le selezioni del premio come Bek dagli occhi azzurri di Marcella Ricci, Dietro i paraventi di Pierre Turcotte, Generazione Bataclan di Maria Laura Caroniti, Malagloria di Christian Bartolomeo, Ogni peccato è assolto di Carmine Danuzzo, Spiagge sospese di Renata Bovara e altri sono in uscita questo mese, mi riferisco a L’amore imperfetto di Nunzia Volpe e Puzza di morto a Villa Vistamare  di Patrizia Fortunati. È la dimostrazione che, laddove vediamo del talento, siamo pronti ad accoglierlo e dargli voce, andando oltre alla pubblicazione del romanzo vincitore.»

Sono stati oltre 3600 gli autori che hanno partecipato nelle precedenti tre edizioni, numero che è destinato a cresce con l’edizione di quest’anno.

Radiospeaker.it

Corsi di Radio

Sogni di lavorare in Radio e non sai da dove cominciare?
Scegli uno dei Corsi di Radiospeaker.it!

Fill out my online form.

var q10d63jg0duvglf;(function(d, t) { var s = d.createElement(t), options = { 'userName':'joekiesa', 'formHash':'q10d63jg0duvglf', 'autoResize':true, 'height':'688', 'async':true, 'host':'wufoo.com', 'header':'show', 'ssl':true}; s.src = ('https:' == d.location.protocol ? 'https://' : 'http://') + 'www.wufoo.com/scripts/embed/form.js'; s.onload = s.onreadystatechange = function() { var rs = this.readyState; if (rs) if (rs != 'complete') if (rs != 'loaded') return; try { q10d63jg0duvglf = new WufooForm();q10d63jg0duvglf.initialize(options);q10d63jg0duvglf.display(); } catch (e) {}}; var scr = d.getElementsByTagName(t)[0], par = scr.parentNode; par.insertBefore(s, scr); })(document, 'script');

Al via la campagna ADV di United Music, il progetto Digital Audio di RadioMediaset

Wed, 2020-01-15 14:07

Da domenica 19 gennaio UNITED MUSIC sarà protagonista della sua prima campagna ADV, che si svilupperà nell’arco di alcune settimane con lo scopo di amplificare la notorietà del brand a livello nazionale.

UNITED MUSIC è il progetto digital audio di RadioMediaset, unico nel suo genere.

UNITED MUSIC è la nuova piattaforma digitale musicale, totalmente gratuita.

UNITED MUSIC è fruibile dal sito unitedmusic.com.

UNITED MUSIC è un’app innovativa, progettata per i diversi sistemi operativi presenti sul mercato.

UNITED MUSIC è un sistema compatibile con Android Auto e Apple Car Play.

UNITED MUSIC è attiva sui principali smart speakers di Amazon e Google.

Il bouquet di UNITED MUSIC è costituito da più di 150 digital radio pensate e costruite grazie all’esperienza di professionisti della radio, oltre ad artisti conosciuti e seguiti a livello internazionale.

E’ sostanziale parlare di “radio” e non di “liste musicali” perché ogni canale è prodotto con i criteri artistici e le tecnologie della radio FM; la selezione proposta non è infatti creata da freddi algoritmi, ma da persone che in anni di esperienza e passione hanno affinato le migliori sensibilità musicali.

L’offerta – organizzata in canali tematici suddivisi per genere – è studiata per soddisfare il più ampio spettro delle esigenze degli ascoltatori, che potranno scegliere i propri generi e scoprirne di nuovi.

Una grande attenzione è rivolta da UNITED MUSIC alle radio create in esclusiva da artisti di primissimo piano della scena musicale, che hanno sposato appieno il progetto.

Attualmente sono già attivi i canali di Bob Sinclar, David Morales e Sananda Maitreya, e altri artisti di grande spessore si stanno aggiungendo.

Per il suo progetto digital audio, unico nel suo genere, Radiomediaset ha previsto un importante investimento di comunicazione, per cui il brand UNITED MUSIC verrà presentato attraverso una campagna ADV pianificata su tv, radio, stampa e digital.

La campagna verrà inoltre accompagnata dal Road show di presentazione a clienti e agenzie pubblicitarie (8 tappe dal 15 gennaio al 13 febbraio) organizzato in diverse città a livello nazionale dalla concessionaria Mediamond.

Un altro importante appuntamento di presentazione di UNITED MUSIC agli addetti ai lavori del mondo della musica, agli artisti e agli influencer avrà luogo a Sanremo la domenica precedente l’inizio del Festival della canzone italiana, nel corso della festa organizzata insieme ai settimanali Tv Sorrisi e Canzoni e Grazia.

La campagna, in partenza domenica 19 gennaio, si svilupperà sui diversi media attraverso una creatività integrata e declinata secondo le specificità del singolo mezzo.

La creatività video si contraddistingue per un mood giovane e metropolitano e con respiro internazionale, finalizzato a presentare UNITED MUSIC, in un crescendo incalzante, come polo d’attrazione della grande “community” che condivide la passione per la musica, di qualunque genere sia.

Nella creatività stampa, l’energia che la musica scatena è declinata in 4 soggetti accomunati dal claim “Scopri tutta la musica che hai dentro”.

Le fotografie di corpi in movimento e i colori scelti rimandano immediatamente da una parte ad alcuni dei generi musicali presenti nell’app, dal rock al pop al rap, dall’altra a chi quella musica la fruisce.

E poiché tutta la musica del passato e del presente nasce dal pentagramma, così la creatività del logo di United Music prende vita dalle stesse cinque linee per definirsi nel pay off “Sound attraction”.

Dichiarazione Mario Volo, Direttore United Music: “Nel futuro di United Music saranno previste le produzioni di serie Podcast originali ed aggregati inerenti ai temi musicali presenti nel bouquet.

L’ampliamento del numero di canali tematici e di nuovi generi è previsto anche per tutto il 2020, andando di fatto ad arricchire la già ampia offerta.

Anche la distribuzione dell’applicazione, come nativa, abbraccerà il più ampio raggio di device presenti sul mercato. Lo sviluppo delle Skills e Action, già attualmente attive, renderà l’utilizzo delle applicazioni sempre più intuitivo ed efficace, anche dagli Smart Speaker.

United Music svilupperà nuove modalità di richiesta musicale e di contenuti da parte dell’ascoltatore, che potrà così ottenere un servizio sempre più personalizzato.”

Dichiarazione Paolo Salvaderi, Amministratore Delegato RadioMediaset“Siamo molto orgogliosi di lanciare questo progetto innovativo nel mondo del digital audio, al quale stiamo lavorando con passione e dedizione da circa due anni.

Il nostro modello di business è basato al momento sulla raccolta pubblicitaria e la nostra ambizione, dopo aver lanciato UM in Italia, è di entrare a livello internazionale in altri Paesi. Infatti siamo già presenti su tutti i digital store e abbiamo già sviluppato la tecnologia per supportare le varie versioni internazionali della nostra piattaforma.

In sintesi possiamo affermare che la sfide del futuro per noi sono già partite”.

Radiospeaker.it

Corsi di Radio

Sogni di lavorare in Radio e non sai da dove cominciare?
Scegli uno dei Corsi di Radiospeaker.it!

Fill out my online form.

var q10d63jg0duvglf;(function(d, t) { var s = d.createElement(t), options = { 'userName':'joekiesa', 'formHash':'q10d63jg0duvglf', 'autoResize':true, 'height':'688', 'async':true, 'host':'wufoo.com', 'header':'show', 'ssl':true}; s.src = ('https:' == d.location.protocol ? 'https://' : 'http://') + 'www.wufoo.com/scripts/embed/form.js'; s.onload = s.onreadystatechange = function() { var rs = this.readyState; if (rs) if (rs != 'complete') if (rs != 'loaded') return; try { q10d63jg0duvglf = new WufooForm();q10d63jg0duvglf.initialize(options);q10d63jg0duvglf.display(); } catch (e) {}}; var scr = d.getElementsByTagName(t)[0], par = scr.parentNode; par.insertBefore(s, scr); })(document, 'script');

Sanremo 2020: annunciati tanti protagonisti della radio nel cast

Tue, 2020-01-14 14:51

È terminata da pochi minuti la conferenza stampa di presentazione della Settantesima edizione del Festival di Sanremo e sono tanti i nomi e le novità annunciate da Amadeus.

In quasi due ore di “chiacchierata” con i giornalisti all’interno del teatro del Casinò di Sanremo sono stati anticipati tutti i nomi certi che faranno parte di questa edizione 2020 del festival tra co-conduttori, ospiti, super ospiti e conduttori del Prima Festival e de L’altro festival.

Non abbiamo potuto fare a meno di notare che alcuni dei grandi personaggi della radio, storici e moderni, saranno protagonisti durante le 5 serate a partire dallo stesso Amadeus, nato anche lui  proprio dalla radio, che ha il ruolo di direttore artistico oltre che di presentatore.

Fiorello, volto protagonista degli ultimi mesi di Rai Play oltre che storico conduttore radiofonico di Rai radio 2 e Radio Deejay, avrà un ruolo fondamentale durante tutte e 5 le serate insieme a Tiziano ferro, ma lo showman sarà, come suo solito, imprevedibile: ancora non so di preciso cosa farò – ha precisato lui stesso in un messaggio vocale inviato ad Amadeus durante la conferenza.

Altro conduttore radiofonico citato è Nicola Savino e che condurrà L’altro Festival, appuntamento che prende il posto del Dopo Festival,  che da quest’anno sarà trasmesso in esclusiva su Rai Play in diretta dal Palafiori di Sanremo.

Ema Stokholma di Rai Radio 2 affiancata da Gigi e Ross condurrà il Prima Festival dal piazzale antistante al Teatro Ariston.

Tra gli altri nomi della radio c’è Diletta Leotta, giovane voce di Radio 105, che vestirà i panni di co-conduttrice al fianco di Amadeus durante la prima e l’ultima serata.

Ultima presenza confermata proprio durante le ultime ore è quella di Mara Venier che ha debuttato in questi giorni su Rai Radio 2 con “Chiamate Mara 3131 e che per la prima volta scenderà le scale dell’Ariston durante l’ultima serata.

La radio ha avuto a quanto pare un ruolo fondamentale anche nella scelta dei super ospiti di questa edizione che saranno alcuni degli artisti più trasmessi durante gli ultimi mesi, come abbiamo potuto apprendere dalle classifiche di EarOne che abbiamo analizzato in un articolo, infatti a spiccare fra i nomi c’è Dua Lipa o Lewis Capaldi.

Avevamo immaginato già grazie ad alcune anticipazioni durante Viva Rai Play nei mesi passati che la radio e alcuni dei suoi protagonisti avrebbero ricoperto ruoli importanti anche in questa edizione del Festiva e con la conferenza stampa tenutasi questa mattina ne abbiamo avuto conferma.

Non ci resta che aspettare l’ufficialità degli altri super ospiti per scoprire se ci saranno altri nomi provenienti dalla radio.

Articolo a cura di Adriano Matteo

 

Corsi di Radio

Sogni di lavorare in Radio e non sai da dove cominciare?
Scegli uno dei Corsi di Radiospeaker.it!

Fill out my online form.

var q10d63jg0duvglf;(function(d, t) { var s = d.createElement(t), options = { 'userName':'joekiesa', 'formHash':'q10d63jg0duvglf', 'autoResize':true, 'height':'688', 'async':true, 'host':'wufoo.com', 'header':'show', 'ssl':true}; s.src = ('https:' == d.location.protocol ? 'https://' : 'http://') + 'www.wufoo.com/scripts/embed/form.js'; s.onload = s.onreadystatechange = function() { var rs = this.readyState; if (rs) if (rs != 'complete') if (rs != 'loaded') return; try { q10d63jg0duvglf = new WufooForm();q10d63jg0duvglf.initialize(options);q10d63jg0duvglf.display(); } catch (e) {}}; var scr = d.getElementsByTagName(t)[0], par = scr.parentNode; par.insertBefore(s, scr); })(document, 'script');

Onair vs Streaming: in Radio la musica sta cambiando?

Tue, 2020-01-14 09:17

Ormai il 2019 è terminato ed anche il settore della radiofonia lo sa benissimo.

Si tirano un po' le somme dell'anno trascorso, a poche settimane dall'inizio del 2020, dove diverse sono le novità che già stanno caratterizzando le varie realtà dell'FM.

Intanto, il portale Rolling Stone, in riferimento ai dati diffusi da EarOne per il 2019, ha tracciato un' analisi di quella che è stata la programmazione musicale in rapporto tra ciò che è andato "on air"e le vendite in streaming.

In particolare, è da evidenziare la messa in onda di brani internazionali, probabilmente quelli che invece non vengono presi in considerazione da coloro che fruiscono della musica mediante le piattaforme di ultima generazione, vedi Spotify, Applemusic e non solo.

Sempre come riporta il sito di informazione musicale, nel 2019, il brano più trasmesso è stato quello di LP, dal titolo "Girls go wild", così come pure "Juice" di Lizzo.

Canzoni, queste, che però non trovano un corrispettivo per quanto concerne la classifica FIMI, eppure hanno trovato una grande visibilità nelle radio nazionali e non solo. Basti pensare anche al singolo di Calvin Harris & Rag'n'Bone Man, "Giant", diventato anche una sorta di tormentone nel corso del periodo di programmazione. 

Dall'altro lato però vi sono delle somiglianze tra la messa in onda radiofonica e le piattaforme on - line. Secondo "Rolling Stone", in entrambi i casi vi è una predominanza dei brani estivi e un'assenza di cantanti femminili italiane, rispetto a quelle straniere che sono in maggioranza nella rotazione musicale. 

Insomma, al di là di questi dati, restano comunque le preferenze che spesso si riflettono in chi sceglie quale musica ascoltare. Da un lato con la programmazione delle emittenti, seppur sempre votata alle "canzoni del momento", anche se oggi vi è una differenza di playlist in tal senso a seconda della tipologia di radio e di musica, appunto, programmata. Basti pensare alle radio tematiche o a quelle che decidono di osare, trasmettendo musica che va un po' "fuori dal coro" con il lancio di artisti che, in alcuni casi, divengono "hit".

E poi vi sono quelli che decidono di "cucirsi su misura" la musica che risponde ai propri gusti, mediante il download digitale, secondo una fruizione che sta spopolando senza sostituire, però, l'ascolto della radio.

E di questo ne siamo sicuri! Parola di Radiospeaker.it!

Articolo a cura di Maurizio Schettino 

Corsi di Radio

Sogni di lavorare in Radio e non sai da dove cominciare?
Scegli uno dei Corsi di Radiospeaker.it!

Fill out my online form.

var q10d63jg0duvglf;(function(d, t) { var s = d.createElement(t), options = { 'userName':'joekiesa', 'formHash':'q10d63jg0duvglf', 'autoResize':true, 'height':'688', 'async':true, 'host':'wufoo.com', 'header':'show', 'ssl':true}; s.src = ('https:' == d.location.protocol ? 'https://' : 'http://') + 'www.wufoo.com/scripts/embed/form.js'; s.onload = s.onreadystatechange = function() { var rs = this.readyState; if (rs) if (rs != 'complete') if (rs != 'loaded') return; try { q10d63jg0duvglf = new WufooForm();q10d63jg0duvglf.initialize(options);q10d63jg0duvglf.display(); } catch (e) {}}; var scr = d.getElementsByTagName(t)[0], par = scr.parentNode; par.insertBefore(s, scr); })(document, 'script');

Radio 2: oggi parte il programma di Mara Venier

Mon, 2020-01-13 11:33

Da oggi Mara Venier inizia una nuova avventura con la Rai, questa volta però in ambito radiofonico. Stiamo parlando della partenza di “Chiamate Mara 3131”, il nuovo programma di Rai Radio 2 con Mara Venier affiancata da Stefano Magnanensi (il musicista accanto a lei anche durante le puntate di “Domenica In”)

Ogni puntata verterà su un particolare tema, e come suggerisce il numero 3131, gli ascoltatori sono invitati a telefonare in diretta per condividere le proprie opinioni. A rendere il tutto ancor a più interessante, sarà un ospite a sorpresa pronto a raccontarsi in base all’argomento della giornata. La prima diretta girerà attorno al tema “la prima volta”, e per l’occasione Mara Venier racconterà in tempo reale della sua prima volta in radio.

Mara Venier debutta ai microfoni di Radio 2 

Durante il programma si spazierà tra diversi argomenti, dall’imminente Festival di Sanremo all’oroscopo, la moda e i rapporti di coppia. Insomma, Mara Venier è pronta a dialogare apertamente con il suo pubblico, con la simpatia che la contraddistingue, e a raccontarsi nell’intimità offerta dalla radio. La prima puntata di “Chiamate Mara 3131” va in onda oggi pomeriggio dalle 15.00 alle 16.00 su Radio 2, disponibile anche in streaming su RaiPlay Radio, con tanto di contenuti speciali sui social dell’emittente.

Mara Venier sta per dare voce agli ascoltatori di Rai Radio 2, per un appuntamento che si rinnoverà ogni pomeriggio dal lunedì al venerdì sempre dalle 15.00 alle 16.00. Per raccontare la propria storia basta chiamare Via Asiago 10 allo 06.3131.

Articolo a cura di Vittoria Marchi

 

Corsi di Radio

Sogni di lavorare in Radio e non sai da dove cominciare?
Scegli uno dei Corsi di Radiospeaker.it!

Fill out my online form.

var q10d63jg0duvglf;(function(d, t) { var s = d.createElement(t), options = { 'userName':'joekiesa', 'formHash':'q10d63jg0duvglf', 'autoResize':true, 'height':'688', 'async':true, 'host':'wufoo.com', 'header':'show', 'ssl':true}; s.src = ('https:' == d.location.protocol ? 'https://' : 'http://') + 'www.wufoo.com/scripts/embed/form.js'; s.onload = s.onreadystatechange = function() { var rs = this.readyState; if (rs) if (rs != 'complete') if (rs != 'loaded') return; try { q10d63jg0duvglf = new WufooForm();q10d63jg0duvglf.initialize(options);q10d63jg0duvglf.display(); } catch (e) {}}; var scr = d.getElementsByTagName(t)[0], par = scr.parentNode; par.insertBefore(s, scr); })(document, 'script');

China FM si allarga sulle frequenze di Radio We

Sun, 2020-01-12 12:35

Radio We e China FM, la prima nata nel 2016 e la seconda nel 2018, sono due emittenti che fanno capo al gruppo Italian International Radio & Media. Entrambe le radio nell’ultimo periodo sono state interessate da un cambio di frequenze.

In pratica, China FM ha iniziato a trasmettere su alcune ex frequenze di Radio We, con il risultato che oggi il suo segnale si riceve a Milano (89.8 e 92.4), a Como, Varese, Novara e Lecco (89.7), nel pavese (89.6), a Tortona (89.8), a Prato e Firenze (107.9) e a Roma e Latina (89.5).

China FM trasmette sulle ex frequenze di Radio We in Lazio e Lombardia

Per quanto riguarda Radio We, l’emittente ha praticamente abbandonato le sue frequenze in Lazio e Lombardia (nelle città di Roma, Milano, Varese, Lecco e Como), continuando però a trasmettere in città come Torino (98.7), Genova (101.1), Verona (92.15), Firenze (99.4), Bari (105.0) e Palermo (99.5). Mantenendo sempre lo streaming sul suo sito, dove è presente tra l’altro un blog aggiornato con le ultime news sull’attualità, e una sezione dedicata a delle lezioni di cinese.

A chi fosse interessato ad un discorso linguistico, consigliamo ovviamente l’ascolto di China FM, che porta avanti le sue trasmissioni rigorosamente in mandarino, proponendo una fusione tra musica cinese ed internazionale.

Articolo a cura di Vittoria Marchi

 

Corsi di Radio

Sogni di lavorare in Radio e non sai da dove cominciare?
Scegli uno dei Corsi di Radiospeaker.it!

Fill out my online form.

var q10d63jg0duvglf;(function(d, t) { var s = d.createElement(t), options = { 'userName':'joekiesa', 'formHash':'q10d63jg0duvglf', 'autoResize':true, 'height':'688', 'async':true, 'host':'wufoo.com', 'header':'show', 'ssl':true}; s.src = ('https:' == d.location.protocol ? 'https://' : 'http://') + 'www.wufoo.com/scripts/embed/form.js'; s.onload = s.onreadystatechange = function() { var rs = this.readyState; if (rs) if (rs != 'complete') if (rs != 'loaded') return; try { q10d63jg0duvglf = new WufooForm();q10d63jg0duvglf.initialize(options);q10d63jg0duvglf.display(); } catch (e) {}}; var scr = d.getElementsByTagName(t)[0], par = scr.parentNode; par.insertBefore(s, scr); })(document, 'script');

Radio2: Federica Elmi e Barbara Venditti sono le Lunatiche

Fri, 2020-01-10 14:16

Sbarca su Radio2 la versione femminile de I Lunatici, attuale programma condotto da Roberto Arduini e Andrea Di Ciancio.

Saranno Federica Elmi, già speaker di Centro Suono, m2o e Radio Crick Crock, e Barbara Venditti, già speaker di Radio Rock, ad intrattenere i nottambuli di Radio2. 

Con la regia curata da Paoletto Castro, le Lunatiche vi aspettano ogni sabato e domenica dall'1 alle 5.

Radiospeaker.it

Corsi di Radio

Sogni di lavorare in Radio e non sai da dove cominciare?
Scegli uno dei Corsi di Radiospeaker.it!

Fill out my online form.

var q10d63jg0duvglf;(function(d, t) { var s = d.createElement(t), options = { 'userName':'joekiesa', 'formHash':'q10d63jg0duvglf', 'autoResize':true, 'height':'688', 'async':true, 'host':'wufoo.com', 'header':'show', 'ssl':true}; s.src = ('https:' == d.location.protocol ? 'https://' : 'http://') + 'www.wufoo.com/scripts/embed/form.js'; s.onload = s.onreadystatechange = function() { var rs = this.readyState; if (rs) if (rs != 'complete') if (rs != 'loaded') return; try { q10d63jg0duvglf = new WufooForm();q10d63jg0duvglf.initialize(options);q10d63jg0duvglf.display(); } catch (e) {}}; var scr = d.getElementsByTagName(t)[0], par = scr.parentNode; par.insertBefore(s, scr); })(document, 'script');

FCP-Assoradio: crescita del +2,3% per il fatturato pubblicitario radiofonico

Fri, 2020-01-10 12:19

Il 2020 parte con una buona notizia in merito al fatturato pubblicitario radiofonico.

I dati relativi al fatturato pubblicitario radiofonico vengono forniti a cadenza mensile dall’osservatorio FCP-Assoradio, che da gennaio a novembre 2019 ha rilevato un incremento rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. Si tratta di una crescita del fatturato pari al 2,3%, nonostante lo scorso novembre la pubblicità radiofonica sia stata interessata da un calo del -1,8% su base annua. Dato che corrisponde ad un fatturato complessivo di 39.371.000 euro.

Come apprendiamo da focusmo.it, parole di soddisfazione per il risultato ottenuto nel 2019 arrivano da Fausto Amorese, il Presidente FCP-Assoradio:

Il dato progressivo gennaio-novembre si mantiene ampiamente positivo: +2,3% verso il 2018. Anche per il mezzo radio nel mese di novembre si segnala un rallentamento del mercato pubblicitario, la flessione del fatturato risulta tuttavia contenuta: -1,8%. Consideriamo che nel 2018 novembre era cresciuto del +7,2% rispetto all’anno precedente. A novembre tra i settori che investono maggiormente sul mezzo si distinguono per la loro crescita Automobili, Alimentari, Tempo Libero, Turismo/Viaggi”.

FCP-Assoradio vede riunite le principali aziende, tra concessionarie, gestori diretti e operanti nel settore della vendita di spazi pubblicitari su frequenze di radio nazionali e locali, allo scopo di fornire ogni mese un aggiornamento sui dati della raccolta pubblicitaria in merito al comparto radio, tramite l’apposito osservatorio.

Articolo a cura di Vittoria Marchi

 

Corsi di Radio

Sogni di lavorare in Radio e non sai da dove cominciare?
Scegli uno dei Corsi di Radiospeaker.it!

Fill out my online form.

var q10d63jg0duvglf;(function(d, t) { var s = d.createElement(t), options = { 'userName':'joekiesa', 'formHash':'q10d63jg0duvglf', 'autoResize':true, 'height':'688', 'async':true, 'host':'wufoo.com', 'header':'show', 'ssl':true}; s.src = ('https:' == d.location.protocol ? 'https://' : 'http://') + 'www.wufoo.com/scripts/embed/form.js'; s.onload = s.onreadystatechange = function() { var rs = this.readyState; if (rs) if (rs != 'complete') if (rs != 'loaded') return; try { q10d63jg0duvglf = new WufooForm();q10d63jg0duvglf.initialize(options);q10d63jg0duvglf.display(); } catch (e) {}}; var scr = d.getElementsByTagName(t)[0], par = scr.parentNode; par.insertBefore(s, scr); })(document, 'script');

Radio Padova: i nuovi progetti spiegati dal direttore Luca Lazzari

Fri, 2020-01-10 10:25

Radiospeaker.it va a curiosare negli studi di Radio Padova, l'emittente veneta che dallo scorso settembre è sotto la direzione artistica di Luca Lazzari, ex speaker di varie realtà nazionali dell'FM, come RDS ed R101, e ora alla guida della radio dove ha trasmesso sin dai suoi esordi, come da noi già ampiamente anticipato nei mesi scorsi.

Luca ci ha gentilmente ospitato nei nuovi studi della radio interregionale, nel corso del suo programma, in onda tutti i giorni, tra le 9 e le 12.

Informazione, curiosità, notizie disparate e tanta musica nel contenitore mattutino condotto dal direttore che, ai nostri microfoni, ha tirato le somme di questi primi mesi che lo hanno visto al timone di Radio Padova, anticipando alcune novità che si concretizzeranno nei prossimi mesi.

Ecco le sue parole!

1) Luca, tante sono state le novità che, già in questi primi mesi, con la tua direzione artistica, hanno contraddistinto Radio Padova. Cosa ci dici a riguardo?

Stiamo cercando di fare un lavoro importante su Radio Padova, un lavoro che si tramuta nella volontà di essere di nuovo a contatto con la città, con la provincia e tutta la regione. Infatti, Radio Padova, anche se porta il nome della città, ha una vocazione regionale da sempre.

2) Quanto è importante oggi far ascoltare la voce o meglio il "beat of your life", come recita il claim di Radio Padova?

Si, abbiamo deciso di ringiovanire Radio Padova, dandole così un tocco di personalità con il ritmo musicale, ma anche quello dei conduttori, nel senso che parliamo non poco ma neanche tanto, cerchiamo di parlare il giusto, al fine di poter creare una perfetta miscela tra la musica, l'informazione e tutti i contenuti che ci sono sui nostri 103.9.

3) Puoi anticiparci qualcosa rispetto ai prossimi progetti che ci saranno in questo 2020 appena cominciato?

Saremo protagonisti, da qui alle prossime settimane, "sulla neve", regalando skipass ai nostri ascoltatori, considerando che il Veneto ha tra le montagne più belle del mondo. In estate, saremo protagonisti sulle spiagge della regione, sempre a contatto con il nostro pubblico.

4) Cosa ne pensi delle novità che contraddistinguono il nostro portale, Radiospeaker.it?

La cosa bella è che si parla di radio per parlare di radio. Qualche anno fa vi dissi che forse c'era un po' troppo gossip. Ho notato che la percentuale di gossip è diminuita e si è alzato il livello di attenzione verso la tecnica. Ora scusami ma ho un segnale orario da annunciare...

Inoltre, Luca Lazzari ci ha anticipato che quest'anno partirà anche l'avventura di Radio Easy Network, altra emittente appartenente al medesimo gruppo editoriale di Radio Padova.

Radio Easy Network avrà una rinnovata programmazione musicale in grado di soddisfare i gusti di molti, in tema proprio di sound, originale e particolarmente coinvolgente.

Intanto, ringraziamo Luca per la disponibilità offerta in studio nel corso della sua diretta e gli rivolgiamo il nostro più sentito in bocca al lupo per il suo futuro professionale radiofonico, ora anche da direttore!

Intervista a cura di Maurizio Schettino 

Corsi di Radio

Sogni di lavorare in Radio e non sai da dove cominciare?
Scegli uno dei Corsi di Radiospeaker.it!

Fill out my online form.

var q10d63jg0duvglf;(function(d, t) { var s = d.createElement(t), options = { 'userName':'joekiesa', 'formHash':'q10d63jg0duvglf', 'autoResize':true, 'height':'688', 'async':true, 'host':'wufoo.com', 'header':'show', 'ssl':true}; s.src = ('https:' == d.location.protocol ? 'https://' : 'http://') + 'www.wufoo.com/scripts/embed/form.js'; s.onload = s.onreadystatechange = function() { var rs = this.readyState; if (rs) if (rs != 'complete') if (rs != 'loaded') return; try { q10d63jg0duvglf = new WufooForm();q10d63jg0duvglf.initialize(options);q10d63jg0duvglf.display(); } catch (e) {}}; var scr = d.getElementsByTagName(t)[0], par = scr.parentNode; par.insertBefore(s, scr); })(document, 'script');

Radio Villa Sound festeggia 42 anni di attività

Thu, 2020-01-09 19:02

Radio Villa Sound, storica emittente di Villafalletto, in provincia di Cuneo, l'8 Gennaio ha spento 42 candeline per festeggiare appunto 42 anni di attività radiofonica.

Per l'occasione, una programmazione speciale condotta dall'amata Marinella Vitale, con i jingles storici dell'emittente e con Song only 1978. 

Auguri Radio Villa Sound!

Radio Villa Sound nasce nel 1978 e riscuote un grande successo negli anni 80 arrivando a coprire il 60% del territorio cunense; dopo diversi periodi di stop finalmente nel 2017 riprende a pieno ritmo le trasmissioni grazie all'appoggio del sindaco e dell'amministrazione comunale che ne fanno un'associazione culturale no profit con lo scopo di dare voce a Villafalletto e promuovere appuntamenti informativi relativi alle attività cittadine. 

Oggi RVS trasmette in Fm sugli 87.5, all'indirizzo www.villasound.net e tramite app, offrendo una programmazione basata su attualità, musica, informazione, dirette streaming e grandi eventi, con la conduzione del fondatore Mario Fresia affiancato dal collega Luca Marengo.

 

 

A cura di Mariele Scifo

 

 

Corsi di Radio

Sogni di lavorare in Radio e non sai da dove cominciare?
Scegli uno dei Corsi di Radiospeaker.it!

Fill out my online form.

var q10d63jg0duvglf;(function(d, t) { var s = d.createElement(t), options = { 'userName':'joekiesa', 'formHash':'q10d63jg0duvglf', 'autoResize':true, 'height':'688', 'async':true, 'host':'wufoo.com', 'header':'show', 'ssl':true}; s.src = ('https:' == d.location.protocol ? 'https://' : 'http://') + 'www.wufoo.com/scripts/embed/form.js'; s.onload = s.onreadystatechange = function() { var rs = this.readyState; if (rs) if (rs != 'complete') if (rs != 'loaded') return; try { q10d63jg0duvglf = new WufooForm();q10d63jg0duvglf.initialize(options);q10d63jg0duvglf.display(); } catch (e) {}}; var scr = d.getElementsByTagName(t)[0], par = scr.parentNode; par.insertBefore(s, scr); })(document, 'script');

Pages